domenica 15 gennaio 2017

Colazione con fimo - Dolci tutorial fimo

Come realizzare dei biscottini in fimo senza stampini

Ognuno di noi ha delle fissazioni. Mi riferisco soprattutto alle fissazioni in campo alimentare.
Ebbene sì, lo confesso, io ho quella di non voler mangiare alimenti che contengano l'olio di palma.
Con tutte le insidie del mondo sono consapevole che non è certo l'olio di palma l'origine di tutti i mali, ma, cosa volete che vi dica, io non sono mai riuscita a digerirlo!
Quindi, per tutti questi anni, mi sono ritrovata a far colazione alternando solamente due tipi di biscotti e tanto pane e marmellata.
Ebbene sì, tutti quegli irresistibili e golosissimi biscottini e merendine dalle ammiccanti forme, visti e rivisti nelle pubblicità e negli scaffali dei supermercati, li ho solo potuti indossare come bijoux realizzati da me in pasta polimerica. Magra consolazione!



bijoux fimo biscotti alberta bijoux tutorial


Ma ora le cose sono cambiate e tantissime aziende hanno deciso di eliminare l'olio di palma dai loro prodotti. Deve essere questo il motivo del mio repentino aumento di peso: devo recuperare tutto il tempo perduto assaporando finalmente, e non solo indossando, pandistelle, ringo e gocciole e quant'altro!

In questo post, che mi piace definire "una colazione con fimo" , ho l'occasione di ricollegarmi a una mail che ho ricevuto recentemente da parte di Fosca, una lettrice del blog, che, sconsolata per i primi insuccessi polimerici, ha lanciato un #sos Alberta Bijoux.

Fosca mi racconta che i suoi primi tentativi con le paste polimeriche sono state un insuccesso e che, demoralizzata, stava per abbandonare tutto, quando fortunatamente si è imbattuta nella mia pagina.

Sono felice quando le lettrici mi scrivono perché sono convinta che la creatività sia condivisione e che la creatività senza condivisione non possa esistere.


bijoux fimo biscotti alberta bijoux tutorial


Questa mattina, ho il piacere di fare due chiacchiere facendo una colazione polimerica con Fosca. Fosca mi racconta che vorrebbe il mio aiuto per realizzare dei biscottini ispirati alle gocciole.
Prima di tutto mi sono sentita di darle alcuni preziosi consigli e l'ho invitata prima di tutto a comprare un termometro da forno da inserire all'interno del fornetto elettrico per verificare in ogni momento l'effettiva temperatura raggiunta internamente da fornetto che spesso non coincide esattamente con quella impostata. In questi anni mi sono accorta che la cottura delle paste polimeriche è per tutti una delle fasi più difficili.



Dispiace bruciare e vedere andare in fumo le proprie creazioni. Oltretutto, trattandosi di materiale plastico, qualche accortezza in più non guasta mai. Specialmente se un semplice ed economico termometro da forno può facilitarci  la vita.

Bene, dopo un bel caffè per svegliarsi, cominciamo:

OCCORRENTE PER REALIZZARE DEI BISCOTTINI A FORMA DI GOCCIOLA:

- pasta You Clay  To-Do  008 gold
- pasta You Clay  To-Do 018 milk Chocolate

(oppure la vostra pasta polimerica preferita color biscotto e la vostra pasta polimerica preferita color cioccolato)

-cutter o taglierino
-dotter con punta arrotondata
-un vecchio spazzolino da denti
-ombretto marrone e cotton fiock
-fornetto elettrico
-termometro da forno (vivamente consigliato!)
-carta da forno e nastro adesivo per ricoprire la superficie di lavoro
-guanti in lattice usa e getta (consigliati perché non rimangano residui di pasta sulle mani)


Prendiamo un pezzetto di pasta polimerica color biscotto, e, dopo averlo scaldato, rullandolo tra i palmi delle nostre mani, otteniamo una sfera del diametro di circa 2 cm.




Per dare la forma al biscottino, se siamo alle prime armi, possiamo aiutarci disegnando con una matita su un foglio la sagoma di una gocciola alta 3,5 cm e larga 2,5 cm nel punto massimo.




Quindi adagiamo la sfera color biscotto sulla sagoma e, effettuando una leggera pressione con il pollice, andiamo a modellare la pasta entro i bordi della sagoma.



Oppure possiamo semplicemente appiattire sul piano di lavoro la sfera e poi schiacciare tra pollice e indice della mano sinistra la parte alta del biscottino, arcuandolo leggermente, per ottenere la caratteristica forma.




Picchiettiamo ripetutamente con uno spazzolino vecchio il biscotto in modo da ottenere la texture tipica di un dolcetto.







Ottenuta la base del biscottino, prendiamo un piccolo pezzetto di pasta polimerica color cioccolato.
Dopo averla scaldata tra le mani e averla rullata sul piano di lavoro, precedentemente ricoperto di carta da forno fissata con del nastro adesivo, creiamo un salamino dello spessore di 0,5 cm.




Tagliamo quindi tre fettine di pasta marrone, la prima spessa 0,5 cm, la seconda e la terza 0,25 cm.




Con la punta arrotondata del dotter andiamo a imprimere dei piccoli cerchi sulla superficie del biscotto nei quali poi adagiamo le fettine di pasta marrone trasformate in piccole sfere. Una volta posizionate schiacciamo leggermente con il pollice le gocce di cioccolato per farle aderire al biscotto.







Per dare un tocco ancora più realistico applichiamo con un cotton fiock, attorno ai margini del biscottino, un po' di ombretto marrone.



Se i biscottini sono destinati a diventare dei charms per orecchini, portachiavi ecc. ricordatevi d inserire dei gancetti a vite prima della cottura.

Ora non resta che cucinare i biscotti in un fornetto elettrico alla temperatura di 120° per 20 minuti avendo cura, come vi ho suggerito all'inizio, di inserire all'interno, un termometro da forno.

Buona giornata creativa a tutti!

venerdì 30 dicembre 2016

I post creativi più letti del 2016




Quali sono stati quest'anno i post creativi più letti del blog?
Oltre a elencarli qui di seguito, nel caso ve ne foste perso qualcuno, colgo l'occasione per fare qualche riflessione di fine anno e per analizzare quali sono stati gli argomenti più "trendy" del 2016.



1. Come realizzare i pattini in fimo
Allora, a colpo d'occhio, rimango sorpresa nel vedere quante visualizzazioni hanno avuto i miei post dedicati al mondo del pattinaggio.
In prima posizione infatti troviamo il post dedicato alla realizzazione di un paio di pattini in pasta polimerica.
Ricordo con molto piacere che avevo scritto questo post su richiesta di una lettrice che mi aveva chiesto aiuto per la realizzazione di un paio di pattini in pasta di zucchero per una torta.
Pasta di zucchero? Sì, non è un errore di battitura.
In fondo le fasi dei tutorial della pasta di zucchero e del fimo si assomigliano molto. Sono stata infatti molto contenta del fatto che una lettrice appassionata di cake design si sia rivolta a me per un tutorial e abbia così permesso di far incontrare nel blog questi due nostri mondi, così diversi ma così uguali!
Le due arti si assomigliano infatti molto e questo post mi ha dato modo di spiegarlo meglio e di far capire che molti dei miei tutorial possono essere utilizzati anche per la realizzazione di piccole sculture in pasta di zucchero.
Questo post, primo in classifica, è stata la prova tangibile e inequivocabile che, quando c'è condivisione, quando c'è disponibilità, quando c'è scambio e fusione tra le tecniche, il messaggio arriva e il pubblico cresce conquistando una nuova nicchia.



2. Abilmente
Secondo in classifica il mio post dedicato alla visita alla Fiera della Manualità Creativa di Vicenza, Abilmente Primavera!
Questo post mi ha dato grande, che dico, grandissima soddisfazione, soprattutto perché il post può vantare importanti condivisioni anche attraverso i canali della Fiera.
Eh, sì, è un post del quale vado molto orgogliosa e "Fiera"!!!!! Perdonatemi il gioco di parole!



3. Pattinaggio con fimo
Inaspettatamente al terzo posto troviamo un altro post dedicato al mondo del pattinaggio.  Il pattinaggio ha battuto per visualizzazioni anche il post dedicato al calcio confermandosi come lo sport più polimerico dell'anno.
Un post nel quale ho avuto il piacere di condividere con voi le mie prime creazioni dedicate a questo sport: portachiavi e cornici decorate con eleganti pattinatrici nei loro body di gara. 

pattinaggio fimo cornice alberta bijoux

4. Il mio nuovo timbro
Il 2016 è stato l'anno del nuovo restyling di Alberta Bijoux: ho voluto investire e dedicare del tempo anche per migliorare l'immagine del blog e del packaging delle mie creazioni.
Carlotta Creativa ha realizzato per me un timbro tutto a base di Macarons!




5. Come realizzare i Minions in fimo
E al quinto posto troviamo il tutorial per fare i Minions con la pasta polimerica!
E non semplici fagiolini gialli.....ma Minions Girl con tanto di treccine e vestitino!
Guardare per credere!

tutorial minion fimo alberta bijoux


6. Cucito creativo con ago e fimo
Una delle grandi novità di Alberta Bijoux Fimo 2016 è stata l'idea della realizzazione di abiti polimerici cuciti con ago e fimo
Questa idea sta alla base del processo creativo che ha mi ha portato allo sviluppo del progetto delle Albertine, le mie bamboline bijoux vestite di abiti polimerici.


7. Un nuovo packaging per i miei bijoux
Eh, sì, se al settimo posto troviamo ancora un post dedicato al nuovo packaging per me è la dimostrazione e la conferma che sto andando verso la strada giusta.
La cura per ogni singolo pacchetto, l'amore per i dettagli, rendono la creazione che riceviamo in dono ancora più speciale perché interamente pensata e realizzata non solo con le mani, ma con il cuore.
E il vostro gradimento me ne dà la conferma! Grazie di cuore a tutti!



8. Le Albertine - Tutorial
E ora veniamo al  post sulle Albertine, l'originale e unico bijoux dell'anno!!!
Anche questo post ha ricevuto condivisioni importanti ed ha avuto molto seguito.
Di bamboline bijoux ce ne sono tante, ma le Albertine sono uniche e originali e sono una creazione della quale vado particolarmente orgogliosa proprio per la sua originalità!



Albertine bamboline bijoux fimo


9. Idee per Halloween
Quale è la mia festa preferita? Halloween! Ebbene sì, forse per il fatto che non amo molto le feste  tradizionali e per il mio animo un po' da strega. Ma forse, se il post si è classificato nono, .... non sono la sola!!!!!



10. Abiti polimerici
La conferma delle conferme che le Albertine sono state il bijoux dell'anno 2016 me la dà anche il numero di visualizzazioni di questo decimo post, anch'esso dedicato agli abiti polimerici! Ben tre post su dieci parlano delle Albertine! Grazie!!!!!!!!
E ora ci dirigiamo verso un nuovo anno, fatto di nuovi progetti, nuove idee, nuove collaborazioni e nuovi sogni.
Spero comunque di essere riuscita a trasmettere la passione per le paste polimeriche e la creatività, ma soprattutto il messaggio che una creazione fatta a mano può raccontare una storia, la nostra storia!

bamboline bijoux fimo alberta bijoux




Il vostro post preferito rientra in questi primi dieci?
Se no, mi farebbe molto piacere avere la segnalazione del vostro post del cuore qui sotto nella sezione commenti.
Grazie!!! Ci vediamo a gennaio! Buona Fine e Buon Inizio!












venerdì 2 dicembre 2016

Profumo di zucchero filato - Come realizzare un paio di orecchini con lo zucchero filato in fimo

  

Profumo di zucchero filato 
 
 
Non ho ancora avuto il tempo di raccontarvi che qualche tempo fa ho ricevuto una inaspettata, bellissima e profumatissima sorpresa da parte di Edicart: oggi finalmente riesco a condividerla con voi.
Ho ricevuto, oltre al magico zainetto delle Winx, alla maglietta dell'evento Winx Réunion di Lignano, al pass stampa del quale vado molto orgogliosa, una serie di gadget by Edicart legati al fantastico e acquatico mondo di "Cercando Dory" il nuovo imperdibile cartone firmato Disney Pixar.

 
La gioia è tanta che mi sento diventare parte del cartone!

Ma dove eravamo???
Mi sa che ho qualche problema di memoria come Dory!
Ah, sì...allora, il pacchetto che ho ricevuto conteneva penne dai tanti colori, temperamatite, matite, gomme, e una penna in una confezione speciale che sprigionava, anche da chiusa, un irresistibile profumo di zucchero filato da far venire l'acquolina in bocca. Coloratissime idee regalo ispirate al fantastico cartone, anche in vista del prossimo Natale!

 
 
 
 
E così "Cercando  Dory",
mi sono trasformata in cartoon pure io!!!
Grazie a Edicart per la simpaticissima sorpresa!
 
 
 

 




E mi è venuta voglia, oltre che di andare al cinema, di zucchero filato!!!

Non trovando la mia macchina per fare lo zucchero filato in casa, ovviamente quale rimedio ho potuto adottare io per soddisfare la mia voglia?
Ma certo, avete indovinato: ho deciso di realizzarlo in fimo.

Zucchero filato? Ma io ho mai provato a realizzare dello zucchero filato in fimo!
Eccomi subito pronta per una nuova sfida: realizzare un paio di orecchini con lo zucchero filato in fimo.
 Mi sono data da fare e devo dirvi che è veramente facile e divertente.
Certo, non si può assolutamente mangiare, dato che è composto da cotone e fimo liquid (ovvero materiale plastico), certo che non profuma d'incanto come la penna di Dory di Edicart, ma le voglie vanno subito accontentate, anche se non è incinte, non si sa mai....





Occorrente per realizzare un paio di orecchini con lo zucchero filato in fimo:
  • cotone
  • Fimo liquid
  • guanti in lattice usa e getta (consigliati)
  • carta da forno
  • stuzzicadenti
  • fornetto elettrico per la cottura
  • termometro da forno
  • SuperAttack
  • tenaglia
  • 2 gancetti a vite
  • 2 monachelle 
  • pinza per bijoux


Dopo aver indossato i guanti, prendo dei piccoli pezzetti di cotone e li stendo, con l'aiuto di uno stuzzicadenti, sopra a del Fimo Liquid precedentemente lasciato colare su un pezzetto di carta da forno stesa sul piano di lavoro.


Sempre con l'aiuto dello stuzzicadenti, punzecchio qua e là il cotone in modo che si imbeva parzialmente di Fimo Liquid.
Poi prendo un nuovo stuzzicadenti e, con l'aiuto dell'altro che ho ancora in mano, prelevo piccoli brandelli di cotone ormai imbevuto di Fimo Liquid.



Li faccio aderire delicatamente attorno alla parte finale del nuovo stuzzicadenti. Sovrapponendo pezzetto dopo pezzetto ottengo una forma leggermente ovale che ricorda quella di un cono di zucchero filato.
Inserisco infine, nella parte alta dello zucchero filato così ottenuto, un gancetto a vite che andrò a fissare poi, dopo la cottura, con un goccio di SuperAttack.


Cucino lo zucchero filato così ottenuto in un fornetto elettrico alla temperatura di 110° per 20 minuti.
Una volta raffreddati, con una tenaglia taglio la parte di bastoncino/stuzzicadenti in eccesso.

Ora sono pronta per montare e fissare ai bastoncini di zucchero filato gli anellini apribili  e le monachelle per trasformarli in un paio di golosissimi orecchini.

Non profumano di zucchero filato come la fantasiosa penna di Dory, ma sempre dolcissimi sono!!! Ma, come il nuovo film di animazione insegna, non c'è dolcezza senza amarezza, non c'è felicità senza tristezza, non c'è vittoria senza impegno e fatica e...... non c'è Alberta Bijoux senza Fimo! 
Per questo mi piace pubblicare questi post, perché, pieni di colore e fantasia, possano colorare, come le conchiglie e i pesci in fondo al mare il piccolo mondo di Alberta Bijoux.

Ed ecco gli orecchini ......................
.........................................................
.........................................................
.........................................................
............... ops! Ma dove li ho messi?
Sono proprio come Dory!!!

Trovati e fotografati!



 
 


venerdì 30 settembre 2016

La storia della Principessa di città e la Principessa di campagna


 

 
 
 
Scrivo sempre che il mio blog è il luogo dove le idee prendono forma in fimo; 
affermo che mi piace mescolare alla pasta polimerica le mie emozioni,
le mie sensazioni e le mie esperienze
 in modo che ogni creazione possa raccontare una storia.
 
Ma com'è che le creazioni raccontano una storia?
 
 Ecco che oggi ho l'opportunità di sviluppare meglio
quest'idea che sta alla base del progetto creativo del mio blog:
 
una creazione realizzata interamente a mano inevitabilmente assorbe le nostre emozioni, dà forma solida e duratura alle nostre passioni e ai nostro soggetti preferiti, parla di noi a livello figurativo e rappresentativo, non solo attraverso una descrizione oggettiva, ma anche attraverso una descrizione soggettiva che si trasforma in una narrazione
Spesso infatti le foto delle mie creazioni sono lo spunto per raccontarvi qualcosa di me, il pretesto per condividere con voi, anche attraverso alcuni tutorial, le mie esperienze, per svelarvi cosa sta dietro al processo creativo.
A volte invece esse mi suggeriscono un'idea da elaborare in un racconto vero e proprio destinato alla lettura di grandi e piccini in modo che fimo e fantasia trovino la loro giusta atmosfera e si completino a vicenda.
 
Ad esempio, quando ho creato per mia figlia i  primi orecchini in pasta sintetica a forma di scarpetta di danza, ho voluto arricchire questo momento dedicandole la scrittura e la lettura poi di un piccolo racconto nel quale, delle scarpette di fimo, messe alle orecchie di una bambina, prendevano vita in modo da poter raccontare una storia.


orecchini danza alberta bijoux

 
 
Se vi siete persi il post dedicato alle scarpette di danza e se siete cuoriosi di leggere la loro storia cliccate qui.
 
E' un bel racconto che potrete leggere anche ai vostri figli alla sera anche se non hanno ancora mai visto delle scarpette in pasta polimerica.
 
 
orecchini danza alberta bijoux
 
 
Attraverso la lettura della storia i bambini sogneranno ad occhi aperti un mondo di tulle e lustrini, impareranno che dietro ad ogni progresso sta il sudore, inizieranno a conoscere il fantastico mondo delle paste modellabili, il mondo dove le idee ma anche le storie possono prendere forma.
 

collana fimo danza alberta bijoux
 
 
 Oggi ho il piacere di raccontare,
attraverso le foto della creazione
di una collana in fimo per MammaLì,
un' altra storia,
una storia dedicata alle sue figlie,
 la storia di due principesse molto speciali,
la Principessa di città e la Principessa di campagna.
 
MammaLì è una mamma blogger "improvvisata", una mamma casalinga proprio come me.
L'ho conosciuta proprio attraverso il suo blog che è uno spazio dove racconta in modo fresco e sincero la sua vita di mamma e moglie.
 
Con coinvolgente spontaneità MammaLì accosta e raccoglie poesie di Rodari a
simpatiche chicche pronunciate dalle sue "nane" ,come le ha soprannominate affettuosamente. E noi non possiamo che sorridere, quando leggiamo, per esempio,
che Emma, una delle sue due figlie, con l'ingenuità di una bambina, afferma che in vacanza vorrebbe andare in Cina, un posto proprio dietro l'angolo!
Come un'amica, MammaLì ci apre le porte del suo blog attraverso varie rubriche nelle quali condivide gli allenamenti per sconfiggere i chili di troppo, ottimi consigli su come preparare le valigie e recensioni sui prodotti da lei testati.
C'è anche uno spazio dedicato a Fumone e i suoi dintorni, dove MammaLì racconta del suo paese adottivo, in provincia di Frosinone, mettendone in evidenza le bellezze e le iniziative.
 
Tornando a noi, come vi dicevo prima, oggi MammaLì mi ha dato l'opportunità di raccontarvi meglio come le mie creazioni possono raccontare una storia.
 
collana fimo alberta bijoux


Prima di lasciarvi al racconto, sento il bisogno di dirvi che, attraverso di esso,
 ho potuto soffermarmi, in modo giocoso, su alcuni importanti aspetti
 delle paste polimeriche: nonostante le divertenti e golose forme che esse possono assumere,
 forme così verosimili da sembrare vere, bisogna sempre tenere presente
 che si tratta di materiale plastico e che non deve essere ingerito.
Non essendo un giocattolo, raccomando sempre di prestare attenzione ai bambini,
specialmente se le creazioni sono composte di piccole parti.
Questo racconto in rima ha lo scopo di spiegare che il fimo è una pasta modellabile molto affascinante, che può dare forma alle nostre idee,
 ma bisogna tenere a mente che non si tratta di didò.
Il fimo è una pasta modellabile plastica termoindurente che per assumere forma solida ha bisogno di essere cucinato in un fornetto elettrico
 alla temperatura di 110/120° per 20 minuti.


 
***
 
Questa è la vera storia della Principessa di città
e della Principessa di campagna che,
tra Creatività e Natura,
iniziano così la loro avventura.
Sono due sorelle, non proprio gemelle:
la prima adora abiti di stile portare,
la seconda comoda vuole stare.
L'una legge i giornali,
l'altra ama gli animali.

Così mi ha raccontato la loro mamma,
che non vogliono mai andare a nanna,
sempre storie vogliono ascoltare,
prima di lasciarsi addormentare.

Mentre Emma indossa pizzi e merletti,
Giulia aiuta la mamma a preparare dolcetti.
Quella cammina a passo di danza,
questa vede il cielo in una stanza.
 
  
 Ma delle vicende delle due principesse,
lo narreranno queste pagine stesse.
Proseguite quindi la lettura,
 senza avere timore o paura.
 
Una favola bella vi ho da raccontare,
che tra tulle, dolcetti e scarpette,
metterà a nanna anche le figlie più vispette,
in modo che, quando loro le collane potranno indossare,
anche la storia potranno ascoltare.

***
Vivevano ai margini di una radura
le due bambine di questa avventura:

 Emma, Principessa di città,
sognava ad occhi aperti la sfarzosa mondanità
 e con tanta fantasia raccoglieva il tulle dei confetti
per assaporarne il lusso a tutti gli effetti;

Giulia, Principessa di campagna, veloce come il vento,
non aspettava certo di contare fino a cento,
usciva in pigiama dalla cameretta,
per dare da mangiare alla sua capretta.

Vivevano felici nella loro fattoria,
e godevano pienamente della loro fantasia.
Seppur tanto diverse adoravano dipingere con i pennelli
ma anche colorare con gli acquerelli.
 
 
Un giorno vennero a sapere di un concorso
 e partecipare era fuori di ogni discorso:
bisognava creare una collanina,
che fosse all'altezza dei gusti della regina.
 
Ma ahimè le poverine,
avevano tante idee ma poche perline.
 Insieme le due crearono del bozzetto,
per fare una collana di sicuro effetto.
 
.
Cercarono di metterci tutto l'impegno 
con il loro fraterno ingegno, 
dai biscotti agli orsetti, da Parigi alla danza
e al tulle pieno di eleganza.

Uno dei bozzetti delle bambine
 
Mai stanche di disegnare,
passarono la notte a colorare.
Molto orgogliose nel loro letto
  mostrarono a mamma Lì il loro progetto.

I bozzetti delle bambine
 
Giulia aveva inserito nel disegno i suoi biscotti preferiti,
e antichi pizzi un po' sgualciti;
Emma dolcetti, Tour Eiffel e scarpette di danza,
 avvolte dal tulle che teneva nella stanza.
 
 
Ma dove trovare tutto questo materiale?
Nella notte si diedero da fare!
 Nella notte scesero dai loro letti,
per andare a caccia di dolcetti.
 
In cucina trovarono qualche caramella,
da attaccare alla loro catenella.
Qualche piccolo souvenir di Parigi,
regalato a Natale dallo zio Luigi.
 
I biscotti e i dolcetti erano difficili da montare,
ma le bimbe fantasiose non si fecero scoraggiare.
 Trovarono alcuni anellini e gancetti,
che il papà custodiva nei suoi cassetti.
 
Con acqua e zucchero si diedero da fare,
per una buona colla riuscire a preparare,
con forbici, nastri e forchette 
spuntarono alcune deliziose ciocchette.
 
Finita la  loro fantastica creazione,
ormai era giunta l'ora della colazione.
 
Sulla tavola restò la loro collana,
che attirò il fiuto della loro cagnolina Ileana,
Questa fece un bel boccone,
sputando la catenella alla velocità di un ciclone.
 
Quando le bambine si accorsero dell'accaduto,
pensarono che ormai fosse tutto perduto.
Non avevano certo altro materiale
la collana era finita proprio male.
 
Bisognava presentare la collana alla regina
 e a loro era rimasto solo tulle e catenina! 
 Quand'ecco che, al loro cospetto,
apparve la Fata del Fimo con in mano un bel fornetto.
 
"Con il fimo vi posso aiutare,
i vostri deliziosi dolcetti a ricreare,
 e pure la scarpetta di danza
che è rimasta ad Ileana .... indigesta nella panza.
 
Datemi solo pochi minuti per modellare la pasta,
perché essa diventi morbida quanto basta.
 Il fimo, vi voglio spiegare,
 è una pasta magica da utilizzare.
 
Prende la forma che le vogliamo dare,
e sembra proprio una cosa da mangiare.
Non è un giocattolo mi raccomando e neppure cibo vero,
nemmeno i cani lo mangerebbero per davvero.
 
State attente e cucinatelo con cura
se non volete avere qualche seccatura.
La cottura è molto importante,
e la deve fare la gente grande.
 
La pasta per diventare dura
ha bisogno di venti minuti di cottura.
Chiudete gli occhi mentre aspettate,
avrete poi una collana che nemmeno immaginate"
 
Così fecero le due bambine,
chiusero gli occhi con le loro manine.
 Trovarono davanti a loro
una collana resistente come l'oro.
 
I dolcetti sembravano veri biscotti 
e le scarpette di danza per piedini un po' ridotti.
Felici di aver conosciuto questo nuovo materiale,
si misero le scarpe e corsero lungo il viale.


 
 
 
 Giunsero tutte sudate alla festa,
ma giuste in tempo e con tante idee nella testa.
La loro collana fu la vincitrice,
 davanti agli occhi stupiti di ogni altra creatrice.


 
Era veramente bella, golosa ed elegante
da essere risultata alla regina la più invitante.
 Tante cose con il fimo si possono creare,
basta solo lasciarsi tentare!